Sequestro con ictus come sintomi

Debolezza unilaterale

Le crisi si verificano quando un gruppo di nervi nel cervello improvvisamente produce un impulso di impulsi elettrochimici. Questo aumento dell’attività cerebrale interrompe le funzioni normali con conseguente sintomi che mimano un colpo. Un colpo, anche un evento neurologico, si verifica quando l’ossigeno non riesce a raggiungere il cervello, causando la morte delle cellule del cervello e provocando danni permanenti. Sebbene le crisi producono sintomi simili a ictus, gli effetti delle convulsioni sono temporanei.

Perdita di memoria

Una sequela focale, chiamata anche una crisi parziale, colpisce solo una piccola area del cervello. Questo tipo di attacco può causare intorpidimento e formicolio che conduce a debolezza da un lato del corpo. Il lato del corpo interessato dipende dall’area del cervello in cui si verifica il sequestro. L’intorpidimento e la debolezza normalmente sussistono con il sequestro, che dura generalmente pochi secondi a pochi minuti, secondo il manuale di Merck. Numbness e debolezza da un lato del corpo, che dura più a lungo del sequestro, è noto come la paralisi di Todd: La paralisi parziale o completa su un lato del corpo causata dalla paralisi di Todd simula i sintomi di un ictus. Quelli con paralisi di Todd mostrano spesso anche problemi di visione o di visione. La paralisi e le alterazioni della paralisi di Todd sono temporanee che durano generalmente da 30 minuti a 36 ore, con 15 ore come la media, secondo l’Istituto Nazionale di Disturbi Neurologici e Stroke. A differenza di un ictus, tuttavia, i pazienti si recuperano completamente dalla paralisi di Todd.

Mancanza di discorsi

Alcuni tipi di convulsioni provocano una breve perdita di coscienza e compromettono la memoria, con conseguente mancanza di ricordo di uno degli eventi che si verificano durante l’episodio di sequestro. Le crisi focali sono classificate come semplici crisi focali o connessioni focali complesse. Durante le semplici convulsioni focali, il paziente rimane consapevole e sveglio durante il sequestro, permettendo un completo richiamo degli eventi. Connessioni focali complesse, invece, causano una breve perdita di coscienza che porta alla perdita di memoria. Le convulsioni generalizzate, quelle che colpiscono entrambe le parti del cervello, causano anche una perdita di coscienza e compromettono la memoria.

Disturbi visivi

Le sequestri che si verificano nelle parti specifiche del cervello che influenzano il discorso possono causare danni alla lingua. L’emisfero sinistro del cervello contiene l’area Broca, che funge nella produzione e nell’articolazione del linguaggio. Le crisi che colpiscono l’emisfero sinistro, pertanto, possono portare a discorsi sordi o lenti. I lobi frontali e temporali del cervello svolgono anche un ruolo nella lingua attraverso l’elaborazione di suoni e il controllo dei muscoli intorno alla bocca. Pertanto, convulsioni del lobo frontale e convulsioni del lobo temporale possono causare disturbi temporanei del linguaggio.

I colpi possono causare disturbi visivi, tra cui doppia visione, visione offuscata e la comparsa di aree nere nel campo visivo. Le sequestri che colpiscono il lobo occipitale del cervello, l’area responsabile dell’elaborazione visiva, possono causare allucinazioni visive, sensazione di luci lampeggianti, visione offuscata e rapida lampeggiamento.