Farmaci che aumentano le cellule del sangue bianco

Neulasta

Il basso numero di globuli bianchi, una condizione nota come neutropenia, può verificarsi come conseguenza di alcune malattie o come effetto collaterale ai farmaci, in particolare la chemioterapia del cancro. Fortunatamente, sono stati sviluppati diversi farmaci che aumentano in modo sicuro ed efficace i livelli di globuli bianchi. Questi farmaci vengono spesso somministrati dopo trattamenti chemioterapici per prevenire la perdita di cellule bianche e le infezioni potenzialmente fatali.

Neupogen

Neulasta è prescritto a pazienti affetti da tumore in chemioterapia che possono avere bassi livelli di globuli bianchi e sono a rischio di infezione. Secondo Amgen, il produttore di Neulasta, il farmaco funziona aumentando la produzione di cellule bianche dal midollo osseo. Neulasta viene somministrata per via iniettabile 24 ore dopo l’inizio della chemioterapia. Un effetto collaterale comune di Neulasta è dolore osseo lieve, tipicamente trattato con acetaminofene. Gli effetti collaterali pericolosi sono molto rari, ma includono la rottura della milza e reazioni allergiche gravi.

Leukine

Neupogen è un farmaco a base di proteine ​​somministrato per iniezione che aumenta la produzione di globuli bianchi. Secondo Drugs.com, Neupogen viene somministrato a pazienti con neutropenia derivanti da cancro, trapianto di midollo osseo o chemioterapia. I pazienti con anemia falciforme o con determinate forme di leucemia non devono usare Neupogen. Il neupogen è di solito somministrato da un medico o da un’infermiera e non deve essere somministrato in auto, a meno che il paziente non sia esplicitamente addestrato in come amministrare. Il farmaco è tipicamente somministrato giornalmente per due settimane, a partire da un giorno dopo l’inizio della chemioterapia. Neupogen è prodotto in un processo che coinvolge batteri E. coli e non deve essere usato da pazienti con grave allergia a E. coli o altri farmaci prodotti in batteri.

La leucina è un farmaco per aumentare le cellule bianche usato per prevenire l’incidenza di infezioni pericolose per la vita nei pazienti che ricevono la chemioterapia. Leucine è anche usato in pazienti sottoposti a terapie di trapianto di cellule staminali. Leukine.com elenca prove che dimostrano che Leukine impedisce infezioni fungine in pazienti di 55 anni e più anni che subiscono la chemioterapia per leucemia mieloide acuta. Il trattamento con leucine inizia normalmente quattro giorni dopo la chemioterapia. Genzyme, produttore di Leukine, spiega che Leukine è somministrato da IV nel corso di diverse ore. Sono state riportate gravi reazioni allergiche con uso di Leukine. I pazienti con allergie al lievito dovrebbero evitare leucine.